Stai visualizzando

Vita Sociale

Il trebbo di Castel Bolognese del 13 marzo 1966

testo tratto da La Piè, marzo-aprile 1966 Scriviamo a caratteri d’oro il Trebbo di Castelbolognese, la cittadina a noi prediletta perché consacrata dalla tradizione quale generoso asilo dove i viandanti sono dei graditi ospiti, quale nido di poeti e di eroi e dove la bandiera della libertà non è mai …

La festa della Pentecoste (di una volta…)

di Giovanni “Bacocco” Bagnaresi (trascrizione a cura di Andrea Soglia; titolo originale: La festa delle Pentecoste) Qui il lunedì della Pentecoste è il giorno della maggiore festa dell’anno in onore della Madonna della Concezione, che si venera nella Chiesa di San Francesco. E’ caratterizzata dalla grande fiera di bestiame bovino, …

Nella valigia? Un corno!

La cronaca di questi giorni che ha portato alla ribalta quello sciagurato che girava per la stazione di Roma Termini con un mitra giocattolo sotto braccio mi ha fatto ricordare l’episodio occorso ad un nostro concittadino incappato nella vigilanza della Polizia in stazione a Bologna. Siamo nei primi anni del …

Quando c’era il lavatoio

Il Canale dei Mulini, assieme al Senio, sono sempre stati il lavatoio per le donne di Castel Bolognese. La mattina presto le “azdore” o le femmine in famiglia se si trattava di lavare i propri panni, oppure le “bugadere” che lo facevano di mestiere per altri si trovavano tutte lungo …

Quando passavano “al frutaròli”

Nel dopoguerra, all’interno l’area un tempo occupata dalla stazione ferroviaria per Riolo, cioè davanti alla stazione FS, sorse un magazzino ortofrutticolo per volontà della famiglia Scardovi che costruì anche il palazzo per la propria residenza al posto del precedente edificio della stazione.  Dopo il fallimento, il magazzino fu rilevato dalla …

Una canzone castellana

La mia nonna Amelia, che abitava nelle “Cortacce” ha sempre detto che questa era una canzone di Castel Bolognese e che qui si cantava da sempre. Io l’ho sentita da lei e da mia mamma tante volte e se sia originale castellana o no poco importa: credo che valga di …

Quando votare era una festa

Questa storia me la raccontò mio padre Tristano che, dal 1946 in occasione del referendum monarchia-repubblica al 1996, quando compì 75 anni, fu sempre impegnato nei seggi elettorali in tutte le consultazioni, saltandone una, forse due. Dapprima fu segretario al seggio n. 1 dove era Presidente il dott. Ernesto Zamparelli …