Aerei militari precipitati nel territorio di Castel Bolognese nel 1944-1945

22 marzo 1944 – Messerschmitt Bf 109 G-6 W. Nr. 162034 – Castel Bolognese

Pilota Uffz. Helmuth Beck del JG 53 “Pik-Ass”
Nel primo pomeriggio del 22 marzo 1944 avvenne uno scontro tra i Messerschmitt del JG 53 ed i caccia Lightning P-38 di scorta ad una formazione di B-17 diretta a Verona. Durante lo scontro furono abbattuti due piloti tedeschi, l’Ofhr. Fisher presso S.Bernardino di Lugo e l’Uffz. Helmuth Beck (Bf109 “10 bianco” W.Nr.162034) presso Castel Bolognese. Nel libro Jagdgeschwader 53 di Jochen Prien si sostiene che il tedesco si lanciò 30 km a sudest di Forlì, ma in quei luoghi non abbiamo trovato tracce, ricordi o testimoni che confermino l’episodio. Al contrario, le cronache inerenti i territori di Faenza e Castelbolognese sono piene di riferimenti che riguardano proprio l’Uffz. Beck. In particolare vi è infine l’importante testimonianza di Oddo Diversi pubblicata nel suo “Il territorio di Castelbolognese”: 22 marzo 1944 – Primo allarme. Ore 14,30 è suonato l’allarme anche a Castelbolognese mediante la campana maggiore dell’arcipretale. Formazione aerea valutata da 300 a 400 apparecchi. Duello fra caccia germanico e alleato. Il caccia germanico è precipitato presso il Monte della “Giovannina”. La caduta di un velivolo tedesco, così come descritto dal Diversi, trova conferma anche nella memoria storica degli abitanti del posto.


23 settembre 1944 – Thunderbolt P-47 D Serial Nr. 42-27946 – Castel Bolognese

Come riporta il 2nd Lt. Duncan, quel giorno alcuni P-47 dell’86th FG erano impegnati in una missione di bombardamento presso Imola. I velivoli furono investiti da colpi di flak da 20 mm e, poco dopo, il 2nd Lt. Lefkow lamentò noie al motore. L’ultima posizione segnalata di Lefkow fu di 5 miglia a sud di Imola, poi di lui si perse ogni notizia. Sappiamo che riuscì a lanciarsi e, catturato dai tedeschi, terminò la guerra allo Stalag Luft 1 in Prussia. L’episodio trova la sua esatta collocazione presso Castel Bolognese, dove nell’autunno del 1944 precipitò un caccia alleato; il pilota fu immediatamente catturato dai tedeschi. Sul luogo della caduta del velivolo sono presenti evidenti traccie di un P-47, che confermano la ricostruzione storica degli avvenimenti.

Le immagini mostrano alcuni reperti recuperati sul crash-site, tra cui un pezzo di castello motore, ed un P-47 dell’86th FG, dal caratteristico timone a striscie biancorosse.

http://www.castelbolognese.org/wp-content/uploads/2013/09/aerei2.jpg (38181 byte) http://www.castelbolognese.org/wp-content/uploads/2013/09/aerei3.jpg (21070 byte)


3 gennaio 1945 – Spitfire IX nr. PT828 – Castel Bolognese

Pilota W/O L. Rourke del 111° Sqn. RAF.
Colpito da Flak durante un attacco in località Serra e precipitato presso Castel Bolognese.


4 gennaio 1945 – Spitfire IX nr. PT475 – Castel Bolognese

aerei1E’ rimasto il ricordo di un caccia alleato precipitato presso Borello, non lontano dalla locale chiesa. Dalle vaghe testimonianze raccolte sembra che presso i rottami del velivolo venne rinvenuto anche il corpo del pilota, con il paracadute parzialmente aperto.

In un libro pubblicato nel 1997, “1° Battaglione d’Assalto Forlì” a cura di Adelago Federighi, viene descritto l’abbattimento di un caccia alleato: “Il Natale e l’ultimo dell’anno trascorsero abbastanza tranquillamente, ma il 3 gennaio 1945 il nemico, preceduto da un intenso fuoco di artiglieria, riprese l’iniziativa sferrando un poderoso attacco contro tutta la linea del Senio, specie nei pressi di Felisio dove era schierato il contingente degli Arditi della Compagnia d’Assalto Forlì. La risposta dei soldati italiani, pronta e violenta, bloccò la fanteria nemica che avanzava protetta dai mezzi blindati. Gli arditi ed i tedeschi, impiegando i panzerfaust ed i moschetti lanciagranate costrinsero i mezzi blindati a ripiegare mentre con armi leggere venivano causate gravi perdite tra la fanteria nemica che fu costretta a desistere dall’azione di sfondamento. Per rintuzzare un eventuale contrattacco intervennero gli aerei da caccia nemici che mitragliando e spezzonando gli argini del fiume obbligarono gli arditi a defilarsi dal tiro micidiale dei velivoli che, a volo radente, sorvolavano le postazioni difensive. In particolare gli aerei si accanivano sul tratto di buche dove più nutrita si effettuava l’azione di fuoco di sbarramento condotta con determinazione e coraggio dagli arditi Pasini, Alfione, Tinelli, Mastropietro e più avanti da Pennaioli, Ghetti, Antonelli e Domeniconi. Poiché l’aviazione nemica non desisteva dal reiterare i suoi attacchi, ad un certo punto l’ardito Pennaioli, con spregiudicata audacia e sprezzo del pericolo, si portò fuori dalla buca – non era nuovo a questi colpi di testa – ed indirizzò il tiro con la mitragliatrice contro gli aerei; questo suo gesto galvanizzò anche gli altri commilitoni che lo imitarono nel comportamento, iniziando pure loro a sparare. Poco dopo il motore di uno di questi aerei iniziò a borbottare, evidentemente colpito dai proiettili delle armi automatiche. Il pilota tentò senza riuscirvi di riprendere quota ma il motore non rispose al richiamo e l’aereo, avvolto dalle fiamme, precipitò portando con sé il pilota che, da quella quota, non potè lanciarsi con il paracadute. Gli altri aerei tentarono di vendicare il compagno caduto, facendo dei caroselli ed a turno mitragliando gli argini ma i ragazzi della compagnia continuarono a sparare dissuadendoli dal continuare l’azione e forse colpendone qualche altro, tanto che poco dopo se ne andarono. (…) L’aereo era caduto in una zona “coperta” da un Battaglione tedesco ed i soldati germanici recuperarono il relitto donandolo poi ai ragazzi della compagnia d’Assalto Forlì che lo avevano abbattuto.” Il timone del caccia venne tenuto a mo’ di trofeo dai militi del 1° Battaglione e fotografato: è chiaramente riconoscibile come appartenente ad uno Spitfire del 72° Sqn. RAF grazie allo stemma. La ricerca negli archivi britannici ha confermato che il velivolo nr. PT475, matricola ben leggibile nella fotografia, venne effettivamente abbattuto il 4 gennaio 1945: il pilota F/L Gray fu dichiarato disperso nell’area di Argenta. Grazie al racconto sappiamo che stava attaccando postazioni nemiche lungo il Senio e che fu abbattuto da armi leggere; con ogni probabilità il velivolo precipitò presso la frazione di Borello.

informazioni e immagini tratte dal sito http://www.aereiperduti.net 
a cura di Enzo Lanconelli, Andrea Raccagni e Fabrizio Raccagni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.