I Padri della Repubblica viaggiavano in treno e… cambiavano a Castel Bolognese

di Paolo Grandi

Benigno Zaccagnini. Immagine tratta dal sito ravennanotizie.it

Benigno Zaccagnini
Immagine tratta dal sito ravennanotizie.it

Quando la neonata repubblica era una vera res publica come la pensarono i romani, i nostri politici erano di tutt’altra pasta.  Oggi, di fronte ai privilegi che la Casta non accenna a diminuirsi, fa sorridere l’atteggiamento impacciato di Peppone nel film “Don Camillo Monsignore ma … non troppo” che dopo aver salutato i suoi “compagni” dallo scompartimento di seconda classe, appena il treno lascia Termini corre al vagone letto per chiedere lo scompartimento senatori…
Eppure questa era la vita dei nostri politici settant’anni fa: molta presenza in aula, forte legame al partito, residenza a Roma in collegi, convitti o conventi ed a casa una – due volte al mese passando la notte in treno: vagone letto di sicuro ma non certo riposando bene, disturbati dal continuo sferragliare, dagli scuotimenti, dai fischi, salvo non aver avuto un sonno da elefante.
Ebbene, uno di questi parlamentari era Benigno Zaccagnini, medico pediatra ancor prima di diventare politico e poi Ministro, residente a Ravenna.  A Castel Bolognese scendeva dal treno di Bologna ed attendeva pazientemente la coincidenza; questo tempo tuttavia preferiva passarlo nel bar della stazione. Dal dopoguerra fino al 30 aprile 1956 titolare del bar della stazione era mio padre Tristano, al quale si era unita mia madre dal 1948 quando si sposarono in una San Petronio ancora in restauro (tanto che le nozze furono celebrate all’altare della B.V. della Cintura)
Babbo e mamma ricordavano volentieri Benigno Zaccagnini che spesso si fermava a chiacchierare con loro e più volte ha preso in braccio anche mio fratello Piero, nato nel giugno del 1949.  Come un ospite di riguardo, non lo facevano sostare nel bar, ma lo accoglievano nel retro, dove c’era una sala che allora era anche la loro cucina (le camere erano al piano superiore).

Contributo originale per “La storia di Castel Bolognese”.
Per citare questo articolo:
Paolo Grandi, I Padri della Repubblica viaggiavano in treno e… cambiavano a Castel Bolognese, in http://www.castelbolognese.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *