Ricordo di Giovanna Galeati

giovanna_galeati

A Giovanna…

Giovedi 4 marzo [2004] è stato dato l’estremo saluto a Giovanna Galeati, spentasi all’età di 89 anni. Ne aveva trascorso più di quaranta nella Casa di Riposo, coccolata dalle Suore della Carità prima della loro partenza, trattata sempre da tutti con affetto e tenerezza. Giovanna aveva contraccambiato con la sua disponibilità a rendersi utile in vari modi e secondo le sue capacità. Fu servizievole e premurosa verso gli ospiti della Casa più bisognosi di aiuto, attiva collaboratrice dei loro assistenti, sorretta, forse inconsapevolmente, dalla candida visione di un mondo fatto di soavità e di umanità.
Era circondata dall’abbraccio, caldo e largo, dei castellani che la conoscevano da vecchia data e che si erano abituati a vederla come un’istituzione nel posto a cui era stata affidata la sua custodia. Le sue azioni e i suoi detti erano parte viva di una semplicità d’animo, che si colorava di stupefacente candore.
La sua dipartita ci veniva annunciata dal manifesto funebre con queste parole: “E’ salita al cielo l’anima buona di Giovanna Galeati”. Ha raggiunto la schiera celeste dei semplici di cuore, nella tersa atmosfera della perfetta letizia. Nei “Fioretti di San Francesco” si racconta di frate Pacifico che, giunto il momento della sepoltura di frate Umile, prese le ossa del confratello, le lavò con buon vino e le involse in una tovaglia bianca, “e con grande riverenzia e divozione le baciava, e piagneva”. Accortosi poi delle perplessità degli altri frati, disse loro: “Ho fatto cosi, perocché quando il mio fratello passò di questa vita, orando io in un luogo deserto e rimoto da lui, vidi l’anima sua per diritta via salire in cielo”. I presenti ne rimasero profondamente edificati, “e laudarono Iddio, il quale fa così maravigliose cose alli santi suoi frati”. Giovanna è ora passata ad un mondo in cui lo stesso afflato religioso è superato da una poesia che parla al cuore di chiunque, con voce tanto più sapida quanto più dimessa.

S.B.

testo tratto da Il Nuovo Diario Messaggero del 13 marzo 2004

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.